Industriale & Logistico

Progettazione e realizzazione del nuovo MAV della Ceramica Sant’Agostino in seguito al collasso del magazzino automatico verticale esistente a causa degli eventi sismici in Emilia del 2012.

La ricostruzione dello stabilimento produttivo di URSA Italia S.r.l. è avvenuta sul sedime della primitiva struttura. Il fabbricato ospita al suo interno due linee per la produzione di lastre XPS. La struttura in elevazione è realizzate con colonne adoppio T in acciaio, in parte fondate sulla platea preesistente e collegate da travature reticolari e capriate metalliche. Una struttura secondaria sostiene la parete di tamponamento  a secco costituita da una cassetta in alluminio con isolante interposto e anteposto, di produzione propria, e lamiera grecata di protezione esterna. Un muretto in c.c.a.  salvaguarda dell’involucro dagli urti orizzontali. Una struttura separata è stata progettata per l’alloggiamento degli impianti RACK, così come una nuova platea per i silos contenenti le materie prime.

Il fabbricato oggetto di intervento di miglioramento sismico, che ospita la concessionaria BMW, è un tipico capannone industriale in cemento armato prefabbricato con pannelli di tamponamento perimetrali sempre in cemento, su cui si è intervenuto mediante l’inserimento di elementi in acciaio aventi la funzione di “pareti di contrasto” atte a migliorare il comportamento della struttura portante in caso di evento sismico.


E’ stato realizzato un ambiente in grado di mantenere al suo interno una temperatura costante desiderata e di veloce realizzazione per ridurre al minimo le interferenze con l’attività produttiva.
Il corpo di fabbrica a pianta rettangolare è costituito da pilastri d’acciaio a doppia T, portati all’esterno dell’involucro per non interromperne la compartimentazione; la copertura ha una doppia orditura in travi di legno lamellare; i tamponamenti sono realizzati con pannelli sandwich coibentati con fibra minerale rifiniti con profili e scossaline, a contrasto di colore rosso e blu, per richiamare i colori del logo aziendale.


La progettazione, a seguito dello studio degli strumenti urbanistici vigenti, si è orientata verso la realizzazione di un complesso polifunzionale che comprenda una grossa struttura di vendita al dettaglio non alimentare e strutture miste direzionali e commerciali con annessi piccoli esercizi di somministrazione alimenti e bevande.

La progettazione integrata del sistema edificio impianto consente di ottenere impatto ambientale e consumi bassissimi e, parallelamente, standard di confort molto elevati.

Il progetto preliminare per uno showroom, commissionato da una società che progetta e fornisce impianti fotovoltaici, incontra la necessità di avere uno spazio rappresentativo della propria filosofia aziendale e che contenga sia uno spazio espositivo e di accoglienza dei clienti sia una zona progettazione. Lo showroom si articola su due piani, al piano terra una ampia vetrina e un ufficio open space per accogliere i clienti, al piano primo un piccolo ma funzionale spazio per il team di progettazione. L’involucro esterno dell’edificio è caratterizzato da due materiali naturali: la pietra (posta nella parete chiusa verso nord) e il legno che a sud funge da brise soleil e da rivestimento per la facciata ventilata.

Il progetto per il miglioramento sismico dello stabilimento produttivo Zabov-Moccia prevede due tipologie di intervento: realizzazione di telai di contrasto in acciaio poggianti su nuove fondazioni in c.a. ed ammorsati alle pareti in muratura che sostengono la volta in latero-cemento  di copertura, anch’essa rinforzata con fasce in fibra di vetro; demolizione di magazzino in muratura e ricostruzione con struttura in acciaio a capriate metalliche e tamponamenti in muratura, mantenendo la sagoma ed il volume nel rispetto del vincolo comunale gravante sul fabbricato.
Entrambi gli interventi sono stati studiati in modo da ridurre le interferenze con la linea produttiva.


Il nuovo fabbricato, edificato sul sedime dell’edificio demolito precedentemente, è realizzato con struttura portante in c.c.a. prefabbricato costituita da un sistema di telai principali, con interasse variabile, ed una struttura secondaria, realizzata mediante tegoli a “U” in c.c.a. prefabbricati, e rifinita con tegoli curvi in materiale isolante e lucernai tipo “Shed”. La fondazione, realizzata in c.c.a. gettato in opera, sarà costituita da plinti e travi di collegamento in entrambe le direzioni.
I tamponamenti sono costituiti da pannelli prefabbricati in c.a., coibentati e rifiniti esternamente a graniglia di marmo di differenti colorazioni per distinguere la zona produttiva e la zona uffici.